Acido Jaluronico, il miglior alleato anti-age: conosciamolo meglio

E’ una molecola che si trova nello strato profondo della pelle, piccolissima e filiforme che ha la fantastica caratteristica di assorbire e trattenere l’acqua fino a 70/100 volte il suo volume e, cosa ancora più fantastica, di rilasciarla in base alle necessità del tessuto cutaneo a cui è collegata. Non solo alla pelle, dunque, ma anche alle articolazioni, ai tessuti interni, alle pareti venose e arteriose, alle ossa, ovunque occorra questo liquido geloide che riempie, unisce come un collante i vari tessuti che compongono il nostro corpo.

Finchè si è giovani, tutto procede bene: l’acido jaluronico è abbondante, la pelle è turgida e polposa, articolazioni, ossa, circolazione, tutto funziona bene. Ma quando gli anni aumentano e il turn-over cellulare diminuisce, allora cominciano i problemi e la pelle del viso ne è il primo e più evidente esempio.

L’acido jaluronico è un polisaccaride della famiglia degli aminoacidi zuccherini,meglio noti come glicosaminoglicani (GAG) che fanno parte di un gel cementante detto sostanza fondamentale che permea e riempie il derma. L’acido jaluronico agisce come una vera e propria spugna che, imbevendosi d’acqua, aumenta enormemente il proprio volume e in questo modo riempie gli spazi cutanei e fa da legante fra le altre fibre. La sua mancanza provoca la perdita di turgore e di tenuta del tessuto cutaneo quindi si formano avvallamenti e rughe profonde e superficiali.

Ma non solo l’età è responsabile della sua carenza perché noi stesse contribuiamo alla grande al suo impoverimento anzi tempo. Come?

Con esposizioni scriteriate ai raggi ultravioletti per la mania dell’abbronzatura a tutti i costi e  possibilmente in poche ore, con diete squilibrate e, anche queste, velocissime e con le sigarette, che sono sempre dannose ma dopo i cinquant’anni diventano decisamente deleterie.

Poiché questa sostanza viene  sintetizzata dal corpo attraverso l’alimentazione, se vogliamo mantenere una pelle bella e soda, bisogna adottare una dieta ricca di proteine animali e vegetali, di verdura, frutta e oli vegetali per avere anche una spiccata azione antiossidante per neutralizzare i radicali liberi che tanta responsabilità hanno nell’invecchiamento cutaneo.

Il sole si può prendere ma non nelle ore caldissime quando lo stesso calore distrugge anche le vitamine indispensabili alla pelle come la C, la A e la E.

Le diete possono andare bene solo se sono ben strutturate, equilibrate e, soprattutto fatte nel lungo periodo che è il sistema migliore per perdere veramente il grasso e non l’acqua che, come vediamo, è indispensabile al turgore della pelle.

Sulle sigarette non ci sono mezze misure: vanno eliminate dal momento che nessuno è capace di fumarne soltanto 2 al giorno, nonostante i buoni propositi.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...