Attenzione agli acceleratori di abbronzatura

Mi sono accorta che megli ultimi tempi quasi tutte le case cosmetiche producono creme che accelerano l’abbronzatura. Li trovi, in bella mostra insieme agli altri prodotti solari, nelle farmacie, profumerie, erboristerie, centri commerciali e supermercati. Non ci sarebbe nulla da dire se il messaggio sulla confezione del prodotto fosse comprensibile, e invece, a causa di etichette decisamente poco chiare, c’è gente che deve ricorrere al pronto soccorso per scottature anche molto serie.

– Dovrebbe essere messo chiaramente in evidenza che in questi prodotti il grado di protezione (SPF) è 0 o al massimo bassa protezione (SPF 6/10) mentre il dato che troviamo dopo il + è il grado di accelerazione di abbronzatura (per esempio +40, +50, +65).

– Dovrebbe essere evidenziato che il prodotto va usato su una pelle già abbronzata perchè può nuocere gravemente se ci si espone senza un’adeguata quantità di melanina già presente, cioè se si ha una pelle ancora chiara.

– Dovrebbe esserci scritto che non va usato sui bambini.

– Dovrebbe essere messo in evidenza che contiene tirosina, cioè ormone tiroideo.

Ho fatto una piccola inchiesta casalinga tra una decina di consumatrici aggiornate, colte, che sanno tutto sui rischi dei danni causati dai raggi ultravioletti senza adeguate precauzioni: otto di loro hanno pensato che fossero prodotti che favorivano l’abbronzatura con una protezione alta (+40, +50, +65%), mentre due signore hanno capito di cosa si trattava semplicemente perchè avevano già pagato l’ignoranza con un eritema tremendo.

Occorre quindi che chi vende informi bene gli acquirenti, ma questo nella grande distribuzione non è possibile e diventa fondamentale la chiarezza di ciò che è scritto sul prodotto. Non basta l’INCI e nemmeno l’eventuale ‘bugiardino’ all’interno della confezione. I consumatori hanno diritto ad essere informati perchè non si tratta soltanto di messaggi ingannevoli o colpevolmente insufficienti ma di rischi gravi per la pelle!!!

Come si può vedere, solo un prodotto porta scritto molto chiaramente SPF 0 e, purtroppo, è soltanto uno delle pochissime etichette passabilmente chiare.

Come è possibile che possa accadere una cosa del genere in un settore così delicato?

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...