Vitamina E: un potente antiage

Dal libro ’10 supealleati per la tua bellezza’ di Gabriella Cataldo – Riza Edizioni

La vitamina E (tocoferolo) è una delle armi più efficaci per contrastare l’invecchiamento della pelle.

  • E’un efficace antiossidante, prezioso per la pelle ma anche per proteggere dall’ossidazione i prodotti cosmetici evitando l’uso di additivi chimici;
  • Evita l’eccessiva perdita di acqua nei tessuti, il cosiddetto Trans epidermial water loss (Tewl), ovvero l’evaporazione attraverso i pori della pelle;
  • E’ facilmente assorbita dallo strato corneo dove contribuisce a preservare le ceramidi, elemento flondamentale di protezione della pelle;
  • Difende l’epidermide dai radicali liberi causati dai raggi ultravioletti, dal fumo e dallo smog, dallo stress;
  • Se correttamente veicolata, riesce ad attraversare la membrana cellulare apportando le sostanze  che sono fondamentali per la buona salute delle cellule.

In virtù di queste considerazioni, la presenza di vitamina E diventa essenziale nei cosmetici restitutivi, quelli che si usano, per esempio, durante e dopo l’esposizione al sole, in tutte le creme o emulsioni idratanti, nutrienti, antirughe e rivitalizzanti, cioè per tutto quanto riguarda le cure antiage.

Questa sostanza liposolubile, viene assorbita nel corso della digestione e metabolizzata dal fegato e, se l’alimentazione è varia e bilanciata e  non si soffre di particolari patologie, normalmente ognuno di noi dispone di una scorta sufficiente di tocoferolo.

Le fonti più importanti di vitamina E sono i semi di molte piante da cui si traggono oli vegetali naturali spremuti a freddo, cereali integrali, frutta secca, alcuni tipi di frutta e verdura, parti grasse di carni animali, pesce azzurro, alcuni frutti esotici particolari.13764cibi e vitamina e

Ecco un elenco di alcune fonti alimentari di questa sostanza con l’indicazione dei milligrammi contenuti in 100 grammi di cibo.

  • Olio di germe di grano: 140 mg
  • Olio di nocciole: 47 mg
  • Olio di semi di girasole: 41 mg
  • Peperoncino in polvere:  38 mg
  • Semi di girasole: 23 mg
  • Curry in polvere: 22 mg
  • Olio di semi di lino: 18 mg
  • Nocciole e frutti a guscio: 15 mg
  • Olio di soia: 10 mg
  • Avocado: 6 mg
  • Tuorlo d’uovo: 3 mg
  • Peperoni, kiwi, asparagi, spinaci, broccoli, crescione, ceci, cereali integrali e altri: 1-2 mgcome-seccare-i-semi-di-zucca

Le quantità giornaliere consigliate dal LARN ( livelli di assunzione raccomandate per i nutrienti) vanno dai 4 mg al giorno per i lattanti, ai 12/13 mg per gli adulti ai 15 mg in allattamento. Si vede quindi che non è difficile assumere giornalmente il quantitativo necessario se si ha un’alimentazione sana ed equilibrata.

L’elenco delle fonti naturali di questa vitamina dimostra quanti oli vegetali ne sono ricchi e quanto possano essere utili alla pelle. Infatti si è scoperto che gli oli estratti da semi e frutti, contengono sostanze grasse simili al sebo cutaneo, cioè acidi grassi polinsaturi analoghi a quelli presenti nel “film” lipidico che protegge la pelle, la quale li riconosce come propri e quindi li lascia passare. L’importanza di questo fattore è facilmente immaginabile: con l’uso degli oli naturali abbiamo l’opportunità di ripristinare quelle sostanze grasse che la pelle non riesce più a produrre in quantità sufficienti, limitare la perdita d’acqua nei tessuti e migliorare la compattezza e la resistenza dello strato corneo, vera “barriera”che trattiene l’umidità cutanea.

Alcuni oli vegetali ricchi di vitamina E che puoi trovare nei migliori cosmetici solari e dopo-sole

  • Olio di germe di grano (Triticum vulgare germ oil) olio con la più alta percentuale di tocoferolo;
  • Olio di riso (Oryza sativa) molto utilizzato anche perchè contiene gamma-orizanolo, utile come filtro contro i raggi UVA;
  • Olio di sesamo (Sesamum indicum oil) fa parte delle sostanze che svolgono un’effettiuva funzione schermante  nei riguardi delle radiazioni Uva e Uvb.
  • Olio di argan (Argania spinosa) difende da secoli la bellezza della pelle e dei capelli delle donne berbere dal vento e dal sole del deserto.
  • Olio di jojoba (Simmondsia chinensis) da un albero dei deserti dell’Arizona, California e Messico, una cera dotata di sorprendente fluidità che viene assorbita facilmente dalla pelle. Il suo complesso lipidico, sebo-simile e anche leggermente disinfettante, ne fa un prodotto adatto a tutti i tipi di pelle, anche nei casi di cute asfittica e seborroica.

Una cura casalinga per pelle secca, opaca e spenta: prepara un composto con  1 cucchiaio di miele biologico, 1 cucchiaino di zucchero di canna e 1 cucchiaino di crusca di germe di grano. Amalgama bene quindi massaggia lo scrub su viso, collo, décolleté massaggiando con leggeri cerchiolini. Sciacqua con acqua tiepida, quindi passa un tonico con NMF ricostituito e sul viso ancora umido fai assorbire 1 opercolo di vitamina E in forma oleosa. Fai questo trattamento 2 volte a settimana per 1 mese. La tua pelle ti ringrazierà.imagesviso crema

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...