Cellulite: 2 o 3 cose (o qualcuna di più)da sapere

Prima di tutto bisogna fare subito una distinzione tra cellulite e adiposità localizzata. Quest’ultima comporta l’aumento del volume delle cellule adipose e non la loro alterazione, mentre la cellulite prende il via da un’alterazione della circolazione, da una maggiore permeabilità dei vasi venosi e linfatici periferici per cui si formano liquidi stagnanti che vanno a formare edemi che danneggiano il tessuto circostante. Con il peggioramento del processo, degenerano le fibre di elastina e di collagene che si induriscono e perdono l’elasticità causando il famoso effetto a materasso. Nella fase più avanzata, la cute perde anche la funzionalità della sostanza fondamentale: in pratica le molecole di acido jaluronico e controitin solforico si sclerotizzano e formano strutture indurite, i famigerati noduli, così il tessuto perde completamente tonicità a compattezza. Ovviamente, prima di arrivare a questo punto, l’evoluzione è lenta e graduale e c’è quindi tutto il tempo per prendere le misure necessarie a fermare il processo. Comunque prima si comincia e migliori saranno i risultati.

Se hai predisposizione genetica, il tuo ciclo ovarico-ormonale ti porta a particolare gonfiore prima del ciclo, cominci a notare un’alterazione alla linea delle tue gambe non perdere tempo:

  • adotta un’alimentazione sana e corretta
  • smetti di fumare e bere alcolici
  • bevi molta acqua oligominerale lontano dai pasti. Questo argomento, però, merita una piccola riflessione.  Cominciare da un giorno all’altro a bere 2 litri di acqua al giorno può essere troppo per una persona che normalmente non beve molto. E’ meglio aumentare per gradi controllando nel contempo che la diuresi aumenti. Io consiglio di cominciare bevendo un bicchierino o più di acqua ogni volta che si fa pipì, così il controllo è maggiore e l’organismo non è costretto ad un superlavoro improvvisoimages nuotoindex piedi 2
  • fai ginnastica ma quella giusta, perchè anche il movimento va dosato per non produrre quell’acido lattico che contribuisce a intossicare maggiormente i tessuti. Ginnastica dolce, pilates, acqua gym,  nuoto, bicicletta vanno benissimo. ma la cosa più facile da fare è …camminare, semplicemente camminare per 15/20 minuti al giorno (i famosi 10.000 passi) con scarpe comode e le spalle ben diritte ed equilibrate.
  • evita creme e trattamenti con effetto calore perchè l’azione vasodilatatrice prodotta dal caldo aumenta i liquidi stagnanti nei tessuti (leggi il prossimo articolo “Cellulite: i migliori trattamenti localizzati”)imagesdonna bicicletta
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...