Coenzima Q10 in cosmetica (CoQ10)

E’ una sostanza ancora poco nota, di cui si stanno studiando gli effetti, le proprietà benefiche e le possibili applicazioni anche per la bellezza della pelle. La troviamo in ogni cellule del corpo perchè assicura il rifornimento dell’energia vitale, infatti è conosciuta anche come ubiquinone, proprio perchè si trova ovunque nel nostro organismo.

Il coenzima Q10 fu scoperto nel 1957 dal professor Crane, dell’Università statuniutense del Wisconsin. Identificò questa sostanza nei mitocondri del cuore di bue, e oggi sappiamo che proprio nei tessuti cardiaci si riscontra la più alta concentrazione di Q10 e questo perchè proprio  il cuore è l’organo che ha bisogno di maggior energia e in modo continuativo. Da allora e soprattutto dopo il 1978, quando il professor Mitchell prese il premio Nobel per la scoperta delle funzioni di questo enzima, gli studi e le ricerche continuano in tutto il mondo.coenzima-q10_14 ciotola

Come quasi sempre accade, si stanno scoprendo le possibilità dell’inserimento del Coenzima Q10 nei prodotti cosmetici antiage poichè è una sostanza di ‘costruzione’ che contrasta l’azione ‘distruttiva’ di altri  enzimi difendendo anche la vitamina E dall’azione dei radicali liberi.

La produzione del CoQ10 tende a diminuire con l’aumentare dell’età, inoltre alcune patologie croniche, come diabete, problemi cardiaci e malattie più gravi ne determinano un’ulteriore riduzione.

Le conseguenze della carenza di questo coenzima sono il calo di energia e l’aumento di stanchezza cronica ma anche  l’aumento dell’invecchiamento della pelle con maggiori rughe, rilassamento cutaneo, macchie senili.

Non è facile sapere esattamente quanto Q10 sia necessario al proprio organismo ma è ragionevole pensare che dopo i cinquant’anni possa essere opportuno aumentarne il quantitativo controllando l’alimentazione ed eventualmente supportarlo con integratori alimentari soprattutto in periodo di forte stress, una delle cause principali del suo impoverimento.images olivo

Le fonti naturali più ricche di CoQ10

  • Carne rossa:in particolare quella di manzo (soprattutto cuore e fegato), di cervo e di maiale.
  • Carne bianca: vitello, tacchino, polloC
  • Pesce: sardine, sgombro, acciughe, aringhe, tonno, salmone e, in minore quantità, anguille e trota.
  • Uova: non hanno un alto contenuto di Q10 ma contengono molta vitamina E, che amplifica i benefici del coenzima se assunta assieme ad esso.
  • Olio di soia, di oliva, di sesamo, di mais: contengono questo coenzima, oltre ad altre sostanze naturali prodigiose per la salute.
  • Semi, legumi e frutta: soia, azuki, arachide, sesamo, noci pistacchi, nocciole e, in misura minore, mandorle e castagne.
  • Ortaggi: spinaci, broccoli, peperoni, aglio, piselli, cavolfiori, carote, patate, anche patate dolci.alimentosintegrais

Ecco alcune delle attività che il Coenzima Q10 svolge all’interno del nostro organismo:

  • Protegge le cellule neuronali.
  • Aumenta la forza pompante del cuore.
  • Protegge l’elastina ed il collagene prevenendo l’invecchiamento non solo della pelle ma anche delle articolazioni e delle ossa.
  • Aumenta la forza muscolare e la esistenza durante l’esercizio fisico.
  • Contrasta l’istamina, quindi può attenuare le forme allergiche stagionali.
  • Aumenta l’ossigenazione e l’energia cellulare in tutte le situazioni di forte stress ossidativo causato da tensioni, ansia, affaticamento mentale e fisico, oppure malattia.

continua

Dal libro “10 super alleati per la tua bellezza” di Gabriella Cataldo Edizioni Riza

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...